Inquinamento acustico. Come proteggere il tuo bimbo?
Davide

Davide

Inquinamento acustico. Come proteggere il tuo bimbo?

A chi non piace ascoltare una bella canzone o i suoni calmi e rilassanti della natura?
A noi adulti certamente.
In realtà anche il tuo bimbo è, sin da neonato, attratto da musica e suoni ancora prima di aver sviluppato un completo sistema visivo.

I suoni che ci circondano, siano essi musicali o ambientali, o anche le voci, influenzano nel bene e nel male il nostro umore così come quello del tuo bimbo.

Come fare quindi per rendere l’ascolto (e la vita di tutti i giorni) piacevole e non fastidioso al punto tale da creare danni al tuo piccolo?

L’EEA, l’Agenzia Europea per l’Ambiente ha stimato che nel continente europeo circa 113 milioni di persone sono esposte a livelli sonori troppo elevati (sopra i 65 dB), e 450 milioni tra i 55 ed i 65 dB.

Considerando che 65 dB è la soglia massima consentita per i rumori esterni affinchè all’interno della propria casa si possa vivere in maniera confortevole e non rischiosa per la nostra salute, è un dato allarmante.

Così come lo è pensare che la soglia del nostro sistema uditivo è di 80 dB, ma l’ascolto in cuffia (oggi diffusissimo tra i teenager) raggiunge i 120 Decibel.

tutela il tuo bambino mentre ascolta la musica

I rischi dell'inquinamento acustico per il tuo bimbo

Chiaramente, un inquinamento acustico troppo elevato comporta maggiori rischi per i più piccoli. In maniera crescente, una sovraesposizione al rumore può portare a:

  • irritabilità e nervosismo
  • insonnia
  • mal di testa
  • deficit dell’udito
  • acufeni
  • rischi cardiovascolari

Come prevenire quindi gli effetti di un inquinamento acustico troppo elevato?

1) Abbassa il volume di Radio, TV o musica in cuffia che usa tuo figlio

Sembra la cosa più ovvia, ma talvolta repetita iuvant: abbassare il volume di Radio, TV o musica in cuffia è un’ottima partenza.

Oltre al classico buon senso, valuta l’acquisto di dispositivi (soprattutto le cuffie) di buona qualità.

Un’alta qualità dei sistemi di riproduzione musicale permette di “sentire” una gamma di frequenze più ampie, ottenendo così di un suono più pieno e piacevole anche a volumi non elevati.

Più le casse, o le cuffie, sono di scarsa qualità, più le frequenze vengono perse ed è necessario alzare il volume per sentire bene.

Nel caso delle cuffie, inoltre, una buona qualità è sinonimo di isolamento dai suoni esterni e quindi rende meno necessario alzare il volume.

 

2) Controlla i giochi utilizzati dal tuo bimbo

Controlla i giochi utilizzati dai nostri bimbi, verificando che non abbiano suoni troppo elevati o fastidiosi.

3) Se noi genitori andiamo ad un concerto...

Se dovessi andare tu al concerto con il tuo partner o i tuoi amici (o in luoghi dove sai esserci suoni troppo alti), dota tuo figlio di cuffie isolanti.

Oggi molte delle aziende che forniscono cuffie per l’isolamento acustico sui luoghi di lavoro rumorosi come fabbriche o cantieri, producono anche le versioni per i bimbi (personalmente ne ho acquistate per il mio bimbo che a 2 mesi dalla nascita ha potuto assistere ad un concerto in tutta tranquillità… anzi, si è pure addormentato).

4) Evita luoghi dove i rumori con rumori costanti

Evitare luoghi dove i rumori con rumori costanti è un’ottima dritta, anche se si tratta di rumori non esageratamente alti.

Ad esempio luoghi affollati come centri commerciali o mercati. Troppo tempo di esposizione a rumori continui può avere effetti nocivi sull’umore e sul sonno del tuo bimbo.

 

5) Isola acusticamente la casa

Isolamento Acustico.

Se abiti in città, ed in particolar modo nelle zone più trafficate, valuta l’acquisto di finestre con doppi o tripli vetri (che oltre a proteggere dal rumore sono anche importanti per evitare la dispersione di calore).

Pochi e semplici accorgimenti ti possono quindi evitare fastidiosi disturbi all’udito dei tuoi bimbi, oltre che a te stesso, e farti apprezzare maggiormente tutti i suoni e le musiche che rendono più piacevole la vita.

Sommario
Data
Titolo
Inquinamento acustico. Come proteggere il tuo bimbo?
Valutazione
51star1star1star1star1star

Lascia un commento

condividi il post

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Leggi articolo precedente:
inappetenza dei bambini: prevenirla
L’inappetenza nei bambini, il consiglio di mamma Silvia

L'inappetenza è un sintomo frequente e condiviso da numerose condizioni.Essendo una mamma di 2 bambini, mi sento molto vicina a tutte...

Chiudi