Mascherine Coronavirus bimbi: quali scegliere?
Silvia

Silvia

Mascherine Coronavirus bimbi: quali scegliere?

Tabella dei Contenuti

Le mascherine Coronavirus bimbi sono importanti poiché un nuovo avversario sta ostacolando la vita quotidiana di ognuno, soprattutto nelle ultime settimane: il Coronavirus o più specificatamente il Covid19.

Si tratta di un nuovo virus che colpisce l’uomo causando soprattutto crisi respiratorie, in forme gravi oppure lievi. I bambini sono forse le persone meno colpite, ma non per questo sono da ritenersi immuni. 

La chiusura totale delle scuole, dei parchi giochi e dei locali ludici, ad esempio, è indicazione che i più piccoli vanno preservati il più possibile dal contagio. 

Ogni individuo può prendere il virus in diversi modi, con un inizio di forma influenzale che può sviluppare patologie più complesse come la polmonite o infezioni ai bronchi.

La diffusione avviene per via aerea, quindi i contatti diretti con altri individui devono essere il più possibile evitati oppure limitati da strumenti come le mascherine

Chiunque può dare il suo contributo per una società più sicura attraverso il limite del contagio con i giusti mezzi e il buon senso. 

Le mascherine Coronavirus sono state determinanti per rallentare l’espansione della pandemia e ancora rivestiranno fondamentale importanza nei mesi futuri.

Mascherine Coronavirus bimbi: quali scegliere?

Mascherine bimbo (più vendute)

Mascherine bimbo

Tipi di mascherine

Fortunatamente lo sviluppo della ricerca, della tecnologia, dei materiali e della produzione, ha permesso di creare tipologie differenti di mascherine protettive, tutte utili per controllare l’espansione del virus Covid19.

Le mascherine, con la funzione primaria di proteggere dalla trasmissione di batteri attraverso micro elementi organici (come ad esempio la saliva), sono suddivise in categorie:

    • Le FFP2 o le FFP3. Queste tipologie di mascherine vengono definite le più “protettive” perchè provviste si sistemi di filtrazione complessi, in grado di filtrare qualsiasi tipo di particella. Vengono utilizzate soprattutto dai medici, infermieri o chiunque operi nel sistema sanitario, a contatto diretto con i pazienti che sono affetti dal virus;
    • Le mascherine da chirurgo o sanitarie: sono maggiormente indossate dai chirurghi, leggere e sottili. Rispetto alle mascherine FFP2, sono meno protettive, ma permettono sicuramente di limitare l’emissione di batteri verso gli altri. Queste mascherine sono inoltre più economiche e si possono acquistare con più semplicità sul mercato. Inoltre sono le mascherine Coronavirus bimbi che meglio si adattano ai più piccoli e per loro fortemente consigliate;
    • Le mascherine “casalinghe”: questa tipologia non si trova nè in farmacia, nè online e nemmeno nei supermercati. Si possono creare delle coperture per naso e bocca utilizzando molteplici tessuti, giusto per formare una barriera superficiale di protezione. Queste mascherine sono utili per chi non dovesse riuscire ad acquistare la mascherina chirurgica, vista la scarsa disponibilità sul mercato e gli aumenti dei prezzi.

Naturalmente i medici e tutte le figure sanitarie devono garantire maggior protezione, poiché a diretto contatto con il virus: per questo utilizzano le mascherine di tipo FFP2 o FFP3, con l’aggiunta di occhiali speciali e tute antivirus. 

Le più richieste e previste per la gente comune sono quelle di tipo chirurgico oppure quelle casalinghe.

Mascherine bimbo (più vendute)

Mascherine bimbo

Le mascherine più indicate per i bambini e quando indossarle

Molti si domandano quali siano le mascherine Coronavirus più adatte ai bambini.

Innanzitutto è bene informare i genitori che nonostante il Covid19 incontri maggiore resistenza tra i bimbi, essi non sono certo esenti dal contagio o immuni per definizione.

Questo è confermato anche dalla Associazione Culturale dei Pediatri e da altri organismi internazionali che hanno studiato la propagazione del virus Covid19 in diversi contesti e su differenti fasce d’età.

Il consiglio è di dotare vostro figlio di una mascherina protettiva bambini di tipo chirurgico in tessuto non tessuto che abbia almeno 2-3 veli oppure in stoffa, in grado di coprire in maniera ottimale il naso e la bocca.

Non si rende necessario l’acquisto di mascherine di tipo FFP2 o FFP3, a meno che il piccolo non abbia gravi patologie che consentano comunque di indossare la maschera.

Per i bambini, infatti, è sufficiente una mascherina medica pieghettata con elastici di raccordo alle orecchie, ma che sia appositamente pensata per il target dei giovanissimi. Dotare un bimbo di una mascherina adulti paradossalmente potrebbe generare l’effetto contrario, offrendo minore protezione poiché non aderirebbe perfettamente alla conformazione del volto.

Le mascherine Coronavirus bimbi di tipo medico-sanitario, offrono un livello di protezione sufficiente a garantire che le più grandi particelle che si trovano nell’aria, nelle dirette vicinanze di altre persone, possano raggiungere le vie aeree principali dei piccoli.

Se possedete un giardino e mandate vostro figlio a giocare da solo la mascherina non è necessaria.

Lo diventa nel momento in cui dovessero essere con voi mentre fate la spesa, in farmacia, in edicola o in altri luoghi in cui non è possibile mantenersi alle distanze previste dalla legge o non si ha la garanzia di ambiente sanificato.

Le mascherine Coronavirus per bambini sono indicate per chi ha già compiuto i due anni e la scelta ottimale comporta un buon fissaggio degli elastici alle orecchie: questi devono essere tesi e non eccessivamente morbidi. Le misure massime possibili non dovrebbero superare i 20 cm in larghezza e i 12 cm in altezza per i bambini più grandi.

Con tutta probabilità la mascherina Coronavirus bimbi potrebbe infastidire vostro figlio. In questi casi esistono delle maschere colorate, decorate con personaggi dei fumetti o supereroi: fate in modo che l’estetica venga scelta dal bambino, acquistandola insieme.

Questo piccolo consiglio servirà a migliorare la situazione e la mascherina diventerà per lui un divertente gioco e non un fastidio.

Attenzione a non fare indossare la mascherina al bambino che soffre di problemi respiratori cronici.

Mascherine Coronavirus bimbi: quali scegliere?

Mascherine Coronavirus bimbi: come indossarle correttamente?

Prima di mettere la mascherina al proprio bambino, bisogna assumere delle precauzioni e le giuste accortezze per impedire la propagazione dei batteri.

Inizialmente è bene lavarsi correttamente le mani prima di porre sul viso del bambino la mascherina. Questa operazione è fondamentale per non intaccare il materiale protettivo con mani sporche o addirittura contaminate.

Successivamente bisogna accertarsi che le mascherine non siano difettose: verificare la tenuta dei lacci elastici, di eventuali buchi o trasparenze che potrebbero compromettere l’efficacia del prodotto.

Porre in seguito attenzione sul verso della mascherina da mettere sul viso del bimbo: ogni mascherina ha un giusto verso, di solito il lato con il colore è da mettere sull’esterno, poiché da quella parte si trova la barriera che impedisce la fuoriuscita dei batteri.

Infine, bisogna assicurare la mascherina Coronavirus bimbi alle orecchie o alla testa in modo saldo, assicurandosi sempre che il bambino abbia coperti naso e bocca, altrimenti l’utilizzo della protezione potrebbe dimostrarsi inutile.

Ecco alcune mascherine adatte ai bambini

Consigli d'uso

Ci sono delle accortezze che ogni genitore deve prendere una volta in possesso di mascherine Coronavirus bambini, per proteggere i propri piccoli da epidemie virologiche.

Per questo motivo, molti scienziati e medici consigliano degli atteggiamenti o precauzioni da assumere; alcune protezioni sono lavabili, altre usa e getta.

In quest’ultimo caso, con il materiale umido o sporco è necessario sostituire l’intera mascherina per garantire sempre la massima efficacia di sterilità e pulizia.

In certi casi, magari in aree con maggiori contagi, le mascherine andrebbero cambiate ogni quattro ore.

Un altro consiglio è quello di cercare di non toccare continuamente la protezione sul viso, poiché dopo l’utilizzo potrebbe aver assorbito dei batteri sull’esterno e di conseguenza contaminare il bambino. Se si dovesse aver bisogno di spostare la mascherina dal viso, bisogna prendere sempre la protezione dai lacci ai lati, avendo cura di non romperli. Lo stesso quando la si toglie.

Utilizzare le mascherine casalinghe è buona norma se non si ha la possibilità di comprare quelle chirurgiche; in questi casi, si possono poi riporre in appositi sacchettini sterili di plastica o lavarle se sono fatte in tessuto.

La propria salute e quella dei bambini è fondamentale da proteggere, soprattutto in casi di emergenza come questi.

Con un pò di prevenzione e cura, si può sconfiggere tutti insieme un nemico comune, ossia il Covid19.

Vi consiglio alcune letture per i bambini durante la quarantena:

Lascia un commento

condividi il post

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Altro... 0-12 anni, Altrove
Covid19, stampanti e cancelleria sono beni di prima necessità?

L’emergenza Coronavirus ha costretto migliaia di insegnanti a confrontarsi con...

Chiudi