Come spiegare ai vostri bimbi cos'è il Coronavirus
Silvia

Silvia

Come spiegare al tuo bimbo cos’è il Coronavirus

Tabella dei Contenuti

Il Coronavirus è diventato purtroppo una realtà con cui fare i conti anche con i tuoi bimbi a casa.

La quarantena dura da più di un mese ed è impossibile Come hai spiegato ai vostri bimbi quello che sta succedendo?
Anche loro probabilmente ne risentiranno della situazione Covid-19.
Si saranno chiesti perché devono rimanere in casa o cos’è il Coronavirus!!

Intanto l’UNICEF sta divulgando una linea guida per genitori in 8 punti per aiutarci ad affrontare questo momento al meglio.

Fai parlare e ascoltalo.

Invita il tuo bimbo a parlarne e cerca di capire cosa già sa, è importante non ignorare le sue preoccupazioni.
Ascoltalo.

Per i bimbi più piccoli, qualora non siano al corrente dell’epidemia, non è il caso di allarmarli, ma è il momento giusto per fargli capire l’importanza delle misure igieniche.

Spiegagli le cose in modo comprensibile.

Occorre usare un linguaggio appropriato per l’età, aiutatevi anche con dei video.

Ve ne suggerisco uno molto carino e buffo che troverete anche su Youtube intitolato “il coronavirus spiegato ai bambini dai bambini”, che vi allego qui sotto.

Mostragli come proteggere se stesso e i suoi amici.

Come?

La conversazione non deve essere pesante, ma insegna al tuo bimbo a starnutire nel gomito…

Incoraggialo a lavarsi le mani regolarmente.

Spiegagli di non avvicinarsi tanto alle persone che tossiscono o hanno il raffreddore..dire ai bambini che, anche se non corrono rischi per sé, possono essere pericolosi per i nonni e per chi è più avanti negli anni.

Rassicuralo. Sempre.

Il tuo bimbo in questo periodo guardano tanta televisione.

Lo so, non è bello.

Ma ci sta.

E lui spesso non distingue le immagini che vede in TV dalla realtà personale, quindi è sempre bene rassicurarlo anche stabilendo delle routine giornaliere, cioè delle regole che gli scandiscano la sua giornata (lavare i denti, lavarsi, corsetta, gioco, compiti, ballare, cantare, ecc.).

La stigmatizzazione degli altri.

Lo scoppio dell’epidemia ha comportato anche fenomeni di discriminazione razziale nel mondo.

È quindi importante accertare che i vostri bambini non stiano sperimentando né alimentando questi processi.

Spiegate che il Coronavirus non ha nulla a che vedere con apparenze, origini o lingue delle persone.

Chi lotta contro il virus

È importante che l tuo bimbo sappia che le persone si stanno aiutando reciprocamente con atti di generosità e cortesia.

Condividi con lui le storie di operatori sanitari, scienziati, medici e giovani che stanno lavorando per mettere fine al contagio e mantenere al sicuro la comunità.
Sapere che ci sono persone compassionevoli che agiscono può essere di grande sollievo per il tuo bimbo.

Cura e attenzione nel dialogo

Cerca di non lasciare il tuo bimbo in uno stato di tensione. Valuta nella conversazione il loro suo di ansia osservando il linguaggio del corpo, il tono di voce e il respiro.

L’immagine di anteprima di questo post è tratta dal profilo Instagram di Filippo Brambilla https://www.instagram.com/traveggole/

Lascia un commento

condividi il post

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
More in 0-12 anni, Casa, Dove, Età, Video
Farmacia in casa, cosa non può mancare quando c’è un bimbo

Quali farmaci vanno tenuti in casa, per le emergenze o...

Close